A.R.I.S.A: con un lockdown a rischio l’80% degli impianti in Lombardia

A.R.I.S.A: con un lockdown a rischio l’80% degli impianti in Lombardia

Milano – Quarta ondata Covid e timori per future restrizioni generalizzate: l’ipotesi di un lockdown non è sostenibile per le piscine pubbliche in concessione e private in Lombardia. A rischio chiusura sarebbe l’80% delle strutture: lo rileva il tavolo tecnico di A.R.I.S.A (l’Associazione regionale imprese dello sport delle arti e del benessere fisico aderente a Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza) con i rappresentanti del settore impianti natatori convocato dall’Associazione. “In Lombardia – spiega il direttore di A.R.I.S.A Paolo Uniti – sono presenti oltre 1.000 impianti natatori”.