Agnelli (Confimi Industria): “Applichiamo il modello tedesco: sì al green pass, ma senza criminalizzare i non vaccinati”

Agnelli (Confimi Industria): “Applichiamo il modello tedesco: sì al green pass, ma senza criminalizzare i non vaccinati”

Roma – “È del tutto inopportuna la richiesta di danni ai lavoratori non vaccinati in assenza di una legge sull’ obbligatorietà del vaccino. Così come è troppo complicato e poco attuabile pensare di effettuare 15 milioni di tamponi alla settimana, sia per gli aspetti logistici, igienici e di comunicazione organizzativa, che per la reale disponibilità dei tamponi stessi”. Sottolinea Agnelli a pochi giorni dall’entrata in vigore del green pass per i lavoratori. La proposta del Presidente di Confimi Industria: “Applichiamo il modello tedesco: tamponi salivari realizzati all’interno delle fabbriche da parte di personale formato ad hoc”. “Bisogna inoltre estendere la norma della sostituzione, permettendo alla grande industria di assumere a tempo determinato”. 
Conclude Agnelli “su questi temi chiediamo massima collaborazione anche ai sindacati dei lavoratori”.

LEGGI ANCHE: L’intelligenza artificiale in Italia vale 300 milioni di euro