Confindustria: aziende pronte a ripartire

Confindustria: aziende pronte a ripartire

Roma – “Nessun caos sul certificato. Le aziende sono organizzate e pronte per la ripartenza”. Questo il titolo dell’intervista al vicepresidente di Confindustria Maurizio Stirpe, sul Messaggero ieri. “Nessun rischio caos con il Green pass per le aziende. L’intervento è stato attentamente pensato, studiato e voluto per far ripartire a pieno ritmo tutte le attività industriali”, spiega il dirigente degli industriali: “Troppo spesso in Italia assistiamo a una fuga dalle responsabilità e dal rigore a poche ore dal varo di una riforma. E si agitano possibili ritorni negativi. Le aziende hanno fortemente voluto il Green pass insieme all’adozione di rigorosi protocolli di sicurezza per tutelare lavoratori e produzione”. Maurizio Stirpe sottolinea che, oltre ai “contatti costanti con tutte le articolazioni di Confindustria e all’invio e di circolari specifiche per affrontare questa nuova fase, solo pochi giorni fa, nell’ambito di un webinar con oltre 700 partecipanti, abbiamo risposto a oltre 300 domande di chiarimento e fugato dubbi interpretativi”. Per il vicepresidente, dunque, la consapevolezza “degli imprenditori è grande, non ci sarà nessun problema nei luoghi di lavoro”. Il dirigente di Confindustria sottolinea che l’associazione delle imprese “era ed è favorevole all’obbligo vaccinale, ma abbiamo considerato positivo anche l’obbligo del Green pass, riaffermando il principio che chi non si vuole vaccinare ha però il dovere di farsi carico del tampone. Per tutelare se stesso e gli altri”. E conclude affermando che “basta osservare cosa accade negli altri Paesi, dove le vaccinazioni vanno a rilento, per capire quale sia la strada giusta da percorrere, sia per rilanciare l’economia sia per garantire la salute”.

LEGGI ANCHE: L’intelligenza artificiale in Italia vale 300 milioni di euro