Covid: Istat, effetti devastanti su turismo 73% agenzie viaggio verso chiusura

Covid: Istat, effetti devastanti su turismo 73% agenzie viaggio verso chiusura

Roma – I provvedimenti di lockdown introdotti in Italia e all’estero, si legge nel rapporto, hanno svolto “un ruolo non marginale nella contrazione del valore aggiunto dei settori italiani”. Il rapporto dell’Istat evidenzia come in Italia il valore aggiunto e’ “diminuito dell’11,1% nell’industria in senso stretto, dell’8,1% nei servizi, del 6,3% nelle costruzioni e del 6,0% nell’agricoltura”. Gli effetti economici piu’ devastanti riguardano le attivita’ legate al turismo, con una diminuzione del 59,2% degli arrivi totali e del 74,7% di quelli dall’estero. La quota di chi segnala seri rischi di chiusura e’ elevata nelle attivita’ delle agenzie di viaggio (oltre 73%), in quelle artistiche e di intrattenimento (oltre 60%), nell’assistenza sociale non residenziale (circa 60%), nel traporto aereo (59%), nella ristorazione (55%). Nel comparto industriale risaltano le difficolta’ della filiera della moda: abbigliamento (oltre 50%), pelli (44%), tessile (35%). Nei servizi risulta strutturalmente fragile o a rischio circa il 50% delle imprese, con picchi elevatissimi in alcuni settori a bassa intensita’ di conoscenza: ristorazione (95,5%), servizi per edifici e paesaggio (90%), altre attivita’ di servizi alla persona (92,1%), assistenza sociale non residenziale (85,6%), attivita’ sportive e di intrattenimento (85,5%). Nell’industria quote elevate si osservano in alcuni comparti a basso contenuto tecnologico: legno (79,7%), costruzioni specializzate (79,7%), alimentari (78,5%), abbigliamento (73,2%). La crisi ha colpito soprattutto le imprese di piccola e piccolissima dimensione attraverso un crollo della domanda interna e della liquidita’. Circa il 30% e’ rimasto “spiazzato” dalla pandemia, un quarto ha reagito introducendo nuovi prodotti, diversificando i canali di vendita e di fornitura, un quinto ha riorganizzato profondamente processi e spazi di lavoro.