Sbarra (Cisl): a rischio migliaia di posti nel 2021, governo avvii concertazione

ROMA – Il nuovo segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, nella relazione al Consiglio generale dopo l’elezione, ha sottolineato come in questi mesi di pandemia “abbiamo toccato il picco di oltre 9 milioni di persone in cassa integrazione e corriamo il rischio di perdere centinaia di migliaia di posti di lavoro nel 2021”, dopo “i quasi 500 mila” gia’ persi nell’ultimo anno. Tra gli “obiettivi” da perseguire Sbarra segnala “nell’immediato la piena realizzazione del piano vaccinale e la proroga delle protezioni sociali, a cominciare dall’estensione del blocco dei licenziamenti, degli ammortizzatori e delle indennita’ Covid”. “Il Governo – prosegue il nuovo segretario generale della Cisl – e’ nella pienezza dei poteri. La squadra di ministri, viceministri e sottosegretari e’ completa. Ora, insieme, occorre rimboccarsi le maniche e aprire un confronto stabile con le forze sociali, per discutere di come affrontiamo nella condivisione e nella responsabilita’ sia l’emergenza che la prospettiva”. “Chiediamo subito – aggiunge – l’apertura di una stagione di vera e rinnovata concertazione sui piu’ importanti dossier economici, sociali e sanitari”. Quanto alle protezioni sociali, il fatto che “nelle linee programmatiche illustrate dal premier si faccia riferimento all’esigenza di difendere e proteggere ‘tutti i lavoratori’ e’ un segno importante, come pure lo e’ il forte accento messo sulla partita delle politiche attive e generative. Apprezziamo. Senza pero’ innamorarci delle parole. Valuteremo e metteremo a verifica i fatti”, ha concluso Sbarra.