Lavoro, Sala: “Rivedere lo Statuto, è del 1970”

Lavoro, Sala: “Rivedere lo Statuto, è del 1970”

Milano – “Se il lavoro si sta trasformando in modo cosi’ radicale il nostro Statuto dei lavoratori, che e’ del 1970, e’ ancora qualcosa su cui possiamo fare conto o bisogna rinnovarlo drasticamente?”. Se lo e’ chiesto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, durante l’incontro promosso dal Pd milanese sullo smart working, nell’ambito del palinsesto Ricomincia con noi, dove ha dialogato con il sindacalista Marco Bentivogli. “Dobbiamo fare in fretta” ha aggiunto Sala, “sfidarci e proporre al paese la nostra visione di lavoro” perche’ “C’e’ una rivoluzione in atto straordinaria”. “E’ chiaro che i consumi sono in discesa e sara’ cosi’ per un periodo abbastanza lungo – ha detto Sala – . Le aziende dovranno trovare delle formule per ridurre i costi. Stanno cominciando dagli spazi, e questo a Milano e’ evidentissimo, ma il rischio che seguano con il personale c’e’. Da sindaco mi devo preoccupare se vedo una torre da 2.000 dipendenti sbarrata”. “Io non sono contrario allo smart working, ci mancherebbe altro – ha sottolineato- , ma lancio segnali d’attenzione e dico che e’ di questo che la politica dovrebbe occuparsi, senza aver paura di sollevare la questione. Serve che chi fa politica abbia il coraggio di rappresentare in maniera piu’ realistico possibile quella che e’ la situazione”.