Coronavirus: Istat,asintomatici 27,3%, ‘quota non bassa’

Coronavirus: Istat,asintomatici 27,3%, ‘quota non bassa’

“Gli asintomatici arrivano al 27,3% che non e’ una quota bassa. Quindi e’ molto importante la responsabilita’ individuale e il rispetto delle misure”. Lo ha affermato la direttrice dell’Istat Linda Sabbadini presentando al ministero l’indagine di sieroprevalenza. I tre sintomi piu diffusi sono “febbre, tosse e mal di testa. Inoltre, perdita del gusto e dell’ollfatto sono piu associate” all’infezione.  “il dato 2,5% di sieroprevalenza puo sembrare piccolo ma puo’ trasformarsi in qualcosa di problematico se non rispettiamo la prudenza”. Lo ha detto il presidente Istat Gian Carlo Blangiardi presentando al ministero della salute i dati dell’indagine di sieroprevalenza , insieme al ministro Roberto Speranza Il dato di “2,5% medio si sieroprevalenza sembra poco, ma e’ la variazione territoriale che e’ l’elemento importante. Cio’ vuol dire che probabilita’ di incontrare una persona positiva e’ di 2,5: se incontro 20 persone, ho il 50% di possibilita’ – ha concluso – di incontrare una persona positiva”.