Femca Cisl, Corneliani: intesa importante e innovativa

Milano – Ieri sera presso la Prefettura di Mantova è stato sottoscritto l’accordo grazie al quale l’azienda potrà impegnare la liquidità di cassa e riavviare la produzione. “Grazie allo sforzo dei lavoratori, che da oltre un mese presidiano la loro azienda, la sinergia con le Istituzioni locali, regionali e nazionali e il supporto della Femca e della Cisl nazionale, si è definita un’intesa importante ed innovativa”, commenta di Gianni Ardemagni, segretario generale Femca Cisl Asse del Po Cremona e Mantova. “L’immissione in equity per un importo non inferiore a 10 milioni di euro di capitale proveniente dal fondo di gestione per le crisi d’azienda e la tutela dei marchi storici permette di chiedere al Tribunale di Mantova lo sblocco delle risorse aziendali, attualmente bloccate dalla procedura di concordato – sottolinea Ardemagni -. Questo permetterà di sbloccare le produzioni con il rientro di tutte le maestranze e di completare le collezioni autunno inverno, fondamentali per la tutela dell’occupazione e delle professionalità e per mantenere il posizionamento sul mercato di riferimento e di individuare un nuovo soggetto che rilanci un’azienda importante nel mercato dei capi spalla da uomo di alta qualità”. Corneliani ha oltre 500 dipendenti più l’indotto a Mantova e i negozi, per un totale di circa mille addetti. Attualmente l’azienda è in concordato preventivo e in cassa straordinaria. “Finché non riaprirà la produzione – conclude Ardemagni – come abbiamo sempre detto confermiamo le iniziative di mobilitazione, a partire dal presidio fuori dai cancelli della fabbrica”. Venerdì 24/7 alle 10 parteciperanno al presidio anche il segretario generale della Cisl Lombardia, Ugo Duci  e Paolo Ronchi, segretario generale Femca Cisl Lombardia.