Pil: Istat, deficit 2019 scende all’1,6% dal 2,2%

Pil: Istat, deficit 2019 scende all’1,6% dal 2,2%

Roma – Secondo l’Istat, le entrate correnti nel 2019 sono salite del 2,8%. In particolare, le imposte dirette sono risultate in aumento del 3,4%, in virtu’ della crescita dell’Irpef dell’Ires e delle imposte sostitutive. Ma, aggiunge, anche le imposte indirette hanno registrato un aumento (+1,4%), per effetto, precisa l’Istituto, “principalmente della crescita del gettito Iva e dell’imposta sul Lotto e le lotterie”. Pure i contributi sociali effettivi hanno segnato un incremento (+3,2%) rispetto al 2018 mentre le altre entrate correnti sono aumentate dell’8,4%, “grazie soprattutto – si evidenzia – all’andamento positivo dei dividendi” delle societa’ partecipate. Lato uscite, nel 2019 per le amministrazioni pubbliche sono aumentate dell’1,6% rispetto al 2018. “Al loro interno, le uscite correnti sono aumentate dell’1,4%, principalmente a causa della dinamica delle prestazioni sociali in denaro, cresciute del 3,7% (+2,1% nel 2018), a loro volta guidate dalle prestazioni pensionistiche e dalle altre prestazioni assistenziali”, si spiega. “Sull’andamento di queste voci ha inciso soprattutto l’introduzione delle misure relative alla ‘Quota 100’ e al ‘Reddito di cittadinanza’”. Quanto agi interessi passivi, quelli pagati sul debito, “sono diminuiti del 6,7%, dopo la riduzione dell’1,3% nel 2018. Le uscite in conto capitale sono invece aumentate del 3,6% per effetto principalmente della forte crescita degli investimenti fissi lordi (+7,2%) in parte compensata dalla riduzione delle altre uscite in conto capitale (-12,1%)”.