Milano, con ‘Forget Heritage’ nuova vita agli spazi della Fabbrica del Vapore

Milano – Dare nuovo valore ad una parte degli ambienti inutilizzati della ‘Fabbrica del Vapore’ di Milano e offrire spazi e visibilità a start up e imprese culturali e creative nei settori cinema, moda, design e turismo. Questi gli obiettivi centrati dal progetto ‘Forget Heritage’ e riassunti dall’assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, Lara Magoni. La Regione Lombardia, in accordo con il Comune di Milano, ha dato vita ad un’azione pilota che ha permesso a 12 imprese culturali e creative di condividere un nuovo spazio e fare rete, valorizzando idee e progetti, sviluppando strategie innovative e, soprattutto, dando libero sfogo alla creatività per valorizzare il talento giovanile. “Si tratta di un progetto internazionale – aggiunge Magoni – che ha permesso di valorizzare luoghi in disuso consentendo ai nostri giovani di mettersi in gioco facendosi apprezzare per genio, idee e voglia di emergere in settori strategici come il fashion, il design e il turismo. Con ‘Forget Heritage’ la Lombardia, ancora una volta, ha dimostrato di poter assurgere al ruolo di ‘Hub della creatività’, confermandosi come laboratorio di innovazione in grado di far crescere i professionisti del futuro”. Il progetto ‘Forget Heritage’ è finanziato nell’ambito del Programma di Cooperazione Territoriale Europea ‘INTERREG Central Europe’ e ha visto, oltre al coordinamento del Comune di Genova, la partecipazione di altri 8 soggetti pubblici provenienti da 7 Paesi dell’Europa centrale, tra cui le città di Lubiana, Norimberga, Varsavia, Fiume ed altri centri minori dell’Ungheria e della Repubblica Ceca.