Bilancio Comune di Milano, 25 milioni in più dalle nuove tariffe Atm

Bilancio  Comune di Milano, 25 milioni in più dalle nuove tariffe Atm

Milano – Quanto frutterà al Comune di Milano la recente rivoluzione tariffaria del trasporto pubblico? I numeri parlano di  25 milioni in piu’ dalle tariffe del trasporto pubblico locale: 19 milioni sono relativi alla riforma delle tariffe, scattata il 15 luglio, e 6 milioni sono relative alla vendita dei biglietti che hanno subito un rincaro. Il dato e’ emerso nel corso della commissione dedicata alle variazioni per l’assestamento del bilancio. In tutto quindi l’incasso previsto dalle tariffe del Tpl sara’ di 434 milioni. Altri 7,85 milioni in piu’ entreranno nella casse di Palazzo Marino dai dividenti, ordinari e straordinari, di Sea, la societa’ partecipata che gestisce gli aeroporti di Milano. Meno entrate invece per le multe, si tratta di 7 milioni in meno, dovute alla “tardiva entrata in funzione di alcune telecamere che dovevano essere attivate a inizio anno”, come ha spiegato l’assessore al Bilancio, Roberto Tasca. Tra le variazioni del bilancio c’e’ anche quella relativa alle maggiori spese a carico del Comune per il servizio ai disabili, si tratta di 2 milioni di euro. Tasca ha dichiarato: “Aumentano le patologie connesse alla disabilita’ nelle scuole e dovremo dotarci di piu’ educatori”. Maggiori spese per la parte in conto capitale per 79,42 milioni: 48,13 di essi saranno destinati all’acquisizione di immobili per gli uffici comunali. “L’obiettivo dell’amministrazione – ha aggiuntoTasca – e’ quella di rilocare gli uffici attorno a piazza Duomo in zone piu’ periferiche, per continuare l’opera di messa a reddito degli immobili” di pregio del Comune. Altri 20 milioni circa serviranno per lavori cimiteriali e per concludere la Cittadella degli archivi. Il debito del Comune “si ridurra’ di 100 milioni anche quest’anno – ha concluso Tasca -. La nostra situazione finanziaria resta molto solida se confrontata con quella degli altri Comuni e dello Stato”.