Industria 4.0, Ucimu chiede a Governo pianificazione a lungo termine

Industria 4.0, Ucimu chiede a Governo pianificazione a lungo termine

Milano – L’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione chiede al governo di “abbandonare la logica dell’intermittenza e rendere immediatamente disponibile un pacchetto strutturale di provvedimenti in materia 4.0, cosi’ che le pmi possano pianificare gli investimenti a medio-lungo termine”. A dirlo e’ il presidente dell’Ucimu, Massimo Carboniero, in occasione dell’assemblea annuale dell’Associazione. “Con Industria 4.0 “le autorita’ hanno dato vita al piu’ importante piano di politica industriale di cui si sia dotato il paese dal dopoguerra ad oggi. Super e iperammortamento, pilastri di questi programmi, hanno dato i loro frutti, favorendo la sostituzione dei macchinari obsoleti e stimolando le aziende ad interconnettere macchine e impianti grazie alle tecnologie digitali di cui sono dotate”, sottolinea Carboniero. “Ora abbiamo bisogno di una svolta ulteriore, cambiando la modalita’ con cui questi provvedimenti sono resi disponibili”, attraverso “un cambio di approccio e la costruzione di un pacchetto di provvedimenti in materia 4.0 che possa essere strutturale, liberato cioe’ dalle annuali attese e incertezze legate alla possibile riconferma di ciascuna delle misure in esso inserite, come invece e’ accaduto fino ad oggi”. Nello specifico, in risposta alla necessita’ di sostenere l’innovazione continua di prodotto e processo delle imprese italiane, Ucimu chiede che “sia reso disponibile un documento unico strutturale che sommi in se’ i vantaggi fiscali legati agli investimenti in ricerca e sviluppo e a superammortamento e iperammortamento per gli investimenti in nuovi macchinari, disegnando cosi’ un progetto di insieme di lungo periodo”.