Coldiretti: Commissario europeo agricoltura italiano atteso da 50 anni

Milano – Il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, sottolinea che sono quasi 50 anni che nell’ambito della Commissione Europea la responsabilità del settore primario non viene assegnata all’Italia che è il primo Paese dell’Unione per valore aggiunto agricolo ma anche per qualità delle produzioni. “È dal 1972 con Carlo Scarascia Mugnozza, nella commissione Mansholt, che l’Italia non ha un proprio rappresentante all’agricoltura nell’ambito della commissione europea a conferma della disattenzione nei confronti del settore degli ultimi decenni, nonostante la grande rivoluzione che è avvenuta nelle campagne italiane che sono diventate una realtà da primato a livello internazionale per sostenibilità economica ed ambientale ma anche per la capacità di offrire lavoro alle nuove generazioni”, sottolinea Prandini.