Ncc, Comitato Air: senza un intervento del Governo centinaia di aziende chiuse

Roma – “Oramai di tempo non ce n’è più molto, fra poco più di un paio di settimane entreranno in vigore le norme tagliola che porteranno alla chiusura di centinaia di aziende Ncc in tutta Italia, per questo chiediamo al Governo un intervento urgente, almeno una moratoria, che sospenda questa mannaia sul futuro dei lavoratori e delle loro famiglie” così Giorgio Dell’Artino, presidente del Comitato AIR, la rete che raggruppa diverse associazioni di imprese di trasporto pubblico non di linea con conducente, si appella all’Esecutivo. “Si tratta di norme su cui hanno avanzato dubbi di legittimità vari organi come il Garante sulla Privacy e la stessa Regione Calabria che ha deciso di portare la legge nazionale davanti alla Corte Costituzionale – spiega Dell’Artino -. Che siano contrari ai principi di libera concorrenza e di tutela dei dati sensibili delle persone noi ne siamo certi, ma non abbiamo il tempo di attendere né i tempi lunghi della giustizia costituzionale né quelli di un eventuale, quanto auspicabile intervento Parlamentare per riscrivere quella legge. Per questo chiediamo che il Governo intervenga con una sospensione al fine di evitare che siano violati diritti di cittadini e imprese in attesa che gli organi di tutela si esprimano”. “Serve quindi subito una moratoria all’entrata in vigore delle sanzioni per violazione di obblighi che neanche il Ministero è in grado di far rispettare come ad esempio il foglio di servizio che non può essere utilizzato perché mette a rischio la privacy dei nostri clienti” conclude Dell’Artino.