Taxi, la Regione sceglie “da sola”. Boccalini: solidarietà ai Sindacati

Milano – In una nota diramata da TaxiBlu si legge “Come riportato nel comunicato stampa dei Sindacati di categoria nella giornata di ieri – commenta Emilio Boccalini presidente di Taxiblu 02.4040 e appTaxi- lascia più che perplessi la decisione dell’assessore ai trasporti e infrastrutture della Regione Lombardia, Claudia Maria Terzi, di nominare la nuova commissione consultiva che disciplinerà il servizio Taxi in ben 46 comuni, tre province e tre aeroporti lombardi, organizzando un’estrazione a sorte e non attenendosi alle disposizioni vigenti che prevedono di nominare le cinque sigle (per la provincia di Milano) più rappresentative a livello regionale. (Legge 6/2012 emessa dalla stessa Regione Lombardia e quanto disposto dall’articolo 61 c.2, lettera b del Regolamento n° 2/2014, che discende dalla stessa legge). Una scelta unilaterale, quella dell’assessore regionale, che anche noi di Taxiblu 02.4040 in piena solidarietà con le Associazioni e i Sindacati di categoria maggiormente rappresentativi (TAM, SATAM, UNIONE ARTIGIANI, FIT CISL, UNICA CGIL, CONFCOOPERATIVE) non siamo disposti ad assecondare. Se Regione Lombardia proseguirà con queste scelte e con questo atteggiamento nei confronti delle associazioni di rappresentanza sindacale, ci vedremo anche noi costretti ad intraprendere tutte le possibili e opportune iniziative a tutela del settore, che ad oggi vive una serie di urgenze che da tempo segnaliamo e per le quali lo stesso assessore competente, più volte interpellato, non ha ancora trovato tempo per occuparsene”.