Commercio: Confesercenti, tavolo al Mise su domeniche e abusivismo

Roma – Sentita dall’agenzia AdnKronos, Patrizia De Luise, presidente di Confesercenti, sulle chiusure domenicali del commercio ha detto: “Auspichiamo che venga aperto, al più presto, un tavolo al ministero dello Sviluppo economico. Vorremmo trovare una soluzione condivisa da tutti per non fare ulteriori errori e mettere un tassello per apportare delle migliorie. Dobbiamo fare in modo di varare interventi che possano permettere alle imprese di svilupparsi nella loro pluralità e assicurare posti di lavoro. Il decreto Monti che ha liberalizzato il commercio, concedendo a tutti i negozi di stare aperti la domenica non ha avuto gli effetti desiderati, non ha prodotto gli aumenti di fatturato che ci si aspettava, tanto è vero che tra il 2012 e il 2018 il settore del commercio ha perso 56 mila imprese. Ma mentre si parla di domeniche e di orari nei giorni festivi, si dovrebbe parlare anche di concorrenza sleale e di lotta all’abusivismo che deriva soprattutto dalle piattaforme di vendite on line, che hanno regole diverse da noi e invece ci devono essere regole certe e uguali per tutti. Il legislatore deve sapere che questo problema c’è e deve affrontarlo non basta denunciarlo”, conclude De Luise.