Case popolari: Salvini, stranieri dimostrino di non aver case all’estero

Case popolari: Salvini, stranieri dimostrino di non aver case all’estero

Milano – Ancora d’attualità il tema dell’assegnazione agli immigrati delle case popolari. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini torna sull’argomento: “Gli stranieri che vogliono una casa popolare devono dimostrare di non avere proprietà all’estero. È una richiesta di buonsenso, che pochi giorni fa è stata approvata dal Tar. Il tribunale ha bocciato il ricorso di una donna dell’Ecuador che si sentiva discriminata da una decisione dell’assessore leghista alle Politiche Abitative e Sicurezza della Città di Sesto San Giovanni, a Milano, che l’aveva esclusa dalle graduatorie. Anche secondo i giudici, è necessario pretendere la documentazione completa. Una scelta che rispetta gli italiani e gli stranieri che seguono le regole. Con questa impostazione, nel 2018 a Sesto San Giovanni sono stati assegnati 2 appartamenti su 39 a persone straniere. Nel 2016 (amministrazione di centrosinistra) furono 29 alloggi per gli stranieri su 36. Prima gli italiani, dalle parole ai fatti”.