Centri per l’impiego, Treu (Cnel): poco personale e non sempre all’altezza

Roma, 19 lug – Riguardo ai centri per l’impiego, “con le persone che ci sono adesso, che sono un decimo di quelle che ci sono in Germania e con le professionalità che non sono sempre all’altezza, è chiaro che è difficile fornire dei servizi. E’ fondamentale il coordinamento e l’integrazione dei dati. Fino ad adesso questo è un punto carente, io credo anche per un atteggiamento culturale non solo italiano: i dati sono di ‘proprietà’ di qualcuno. No, i dati devono essere ‘open’, ma ovviamente controllati”. Lo ha detto il presidente del Cnel, Tiziano Treu, nel corso di un’audizione davanti alla commissione Lavoro del Senato sul funzionamento dei servizi pubblici per l’impiego. “Il sistema integrato” dei dati “che hanno in Francia permette di avere il quadro del mercato del lavoro con dettagli geografici anche molto piccoli”, ha aggiunto Treu: “Noi abbiamo con il blockchain un accordo con Roma Tre ma anche con l’Ue. L’Europa dà molto peso a questo strumento, non solo nelle politiche attive, ma anche nella sanità”.