Dati Camerali, Magoni: nostro turismo è in buona salute e incrementa potenziale

Milano – “L’incremento del 6,5% in un anno di strutture turistiche, e’ il segnale, piu’ che chiaro, che il Turismo in Lombardia e’ in buona salute; le sue performance tengono sicuramente il passo rispetto ai dati nazionali”. Lo dice Lara Magoni, assessore di Regione Lombardia, al Turismo commentando i risultati. Resi noti oggi, e facenti parte dell’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi. “Il trend di aumento che e’ vicino a quello nazionale (6,6%) -spiega l’assessore Magoni – dimostra che in questi anni le politiche della Regione per far conoscere le bellezze della Lombardia, hanno centrato il loro obiettivo principale, attirando sempre piu’ cittadini sia italiani, sia europei affascinati dal nostro territorio. Bellezze geografie, monumenti artistici, capacita’ di accoglienza agli sportivi e buon cibo sono stati sicuramente i quattro motori che hanno portato le imprese ricettive a superare le 7 mila unita’. La grande avventura di Expo 2015 e la spettacolare iniziativa di ‘The Floating Piers’ dell’artista Christo sul lago di Iseo, sono servite a loro volta a consolidare l’aumento dei visitatori”. “Sono molto soddisfatta – ha detto ancora l’assessore – per le crescite delle percentuali nelle province di Lecco e di Lodi, dove regione ha investito moltissimo a Lecco sulle bellezze ambientali e a Lodi sul patrimonio artistico e sul ventaglio gastronomico di tutto rispetto; con un occhio particolare all’iniziativa della via Francigena”. “Ottimo e’ il dato degli occupati quasi 39mila nella regione, il 12,7% sul totale di chi lavora nel settore in Italia. In un momento di particolari difficolta’ occupazionali – ha concluso l’assessore – un settore che ha una capacita’ di dare lavoro come il turismo, e’ una ricchezza da coltivare da parte delle istituzioni. Da parte sua Regione si e’ impegnata sempre a fondo sia in tema di comunicazione, sia sul versante dei bandi a favore gli operatori del settore. Un plauso non puo’ che andare anche gli imprenditori del settore che, ogni giorno anche con grande fatica, si impegnano per rendere sempre piu’ attraente la nostra Lombardia”.