Ricerca e Innovazione, vicepresidente Lombardia: punti fondamentali per il rilancio dell’economia

Milano – “Ricerca e Innovazione rappresentano punti fondamentali per il rilancio dell’economia e per la crescita culturale del nostro territorio. Si tratta di ambiti che vedono un impegno concreto da parte della Regione Lombardia con oltre 800 milioni di euro di risorse programmate su tutte le assi del Programma Por Fesr, di cui oltre 400 milioni gia’ concessi”. Lo ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Innovazione, Universita’, Export e Internazionalizzazione, in occasione della riunione del Comitato di Sorveglianza Por Fesr 2014-2020 che si e’ svolta a Palazzo Lombardia. “Non semplici finanziamenti a cascata, ma interventi di tipo strutturale – ha aggiunto – con un forte orientamento mirato al risultato in termini di impatto sulla vita delle persone. Un chiaro esempio sono i nostri Accordi di Ricerca che, con 32 progetti approvati, rappresentano una innovativa procedura negoziale per massimizzare gli impatti concreti sul sistema economico sociale, anche in termini di occupazione. La Lombardia si conferma tra i primi territori in termini di attrazione di investimenti anche da parte di venture capital. Oltre 5,6 miliardi di Euro all’anno che, uniti alla spesa del sistema pubblico e privato porta all’incredibile risultato del 3,9% del Pil lombardo investito in ricerca, sviluppo e innovazione”. “Le Regioni in Europa – ha concluso – rappresentano un importante crocevia di sviluppo in termini di innovazione perche’ in grado di intercettare i bisogni e le competenze specifiche di ogni territorio, utili in materia di programmazione anche a livello nazionale ed europeo. In questo senso fare squadra risulta fondamentale”.