Cgil: INAIL, vergognosa strumentalizzazione dei morti sul lavoro

Milano – Le organizzazioni sindacali confederali si impegnano in ogni singola azienda, verso le istituzioni, nei confronti del mondo imprenditoriale, per tutelare la salute dei lavoratori. Quest’anno la manifestazione nazionale del Primo maggio è stata dedicata al tema della sicurezza proprio per evidenziare di fronte al paese quello che è un dramma purtroppo quotidiano. Assistiamo anche al progressivo svuotamento di risorse e uomini degli Enti preposto a garantire il rispetto delle norme di legge, a partire dall’INAIL ma anche dei servizi dell’ATS dedicati alla prevenzione degli infortuni. Servono nuove risorse per controllare migliaia di luoghi di lavoro. Serve una nuova cultura che non ponga al centro il profitto ma la salute delle persone e la loro dignità. Respingiamo – scrivono Cgil e Fp Cgil – a nome di tutte le lavoratrici e lavoratori di INAIL, la volgare strumentalizzazione di questo dramma ed invitiamo tutti a sottoscrivere la petizione mai più fascismo. Domani saremo davanti all’INAIL a raccogliere le firme ed invitiamo tutte le lavoratrici e lavoratori a sottoscrivere la petizione.