Sicurezza: sindacati, oggi sciopero dei porti

Roma – Oggi sciopero nazionale di un’ora in tutti i porti italiani alla fine di ogni turno di lavoro. L’iniziativa di mobilitazione è stata proclamata dalle segreterie nazionali di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, a seguito dell’incidente sul lavoro che ha coinvolto un dipendente di un’agenzia marittima al Porto San Giorgio di Nogaro (Udine). La protesta – spiegano i sindacati – si terrà secondo modalità locali e nel rispetto della normativa di legge e contrattuali previste per i rispettivi settori di appartenenza. “Esprimiamo -aggiungono le tre organizzazioni sindacali – cordoglio e solidarietà nei confronti dei familiari e dei colleghi del lavoratore deceduto e al contempo, considerata la lunga catena di infortuni mortali che ha caratterizzato questo periodo, chiederemo al ministro del Lavoro Giuliano Poletti un incontro urgente affinché si passi dalle parole ai fatti in tema di sicurezza sul lavoro, in particolare per quanto riguarda i rischi da interferenze in ambito portuale”. “È l’ennesimo incidente determinato da interferenze nell’ambito dei porti – sottolineano ancora i sindacati dei trasporti regionali – sono anni che chiediamo l’armonizzazione della legislazione portuale con il testo unico sulla sicurezza. Negli ultimi mesi stiamo assistendo a un forte aumento degli incidenti sul lavoro e tra questi quelli mortali, frutto della precarizzazione del lavoro, dell’incertezza del futuro, del degrado dei diritti