Franchising: aperto oggi in Fiera il 32° Salone

Milano – Anno dopo anno il commercio in franchising continua a crescere e si prevede uno sviluppo ancor più significativo nel 2018 grazie al rinnovato interesse dei grandi marchi e all’arrivo di finanziamenti agevolati. Questo il messaggio che proviene dal 32° Salone Franchising Milano, l’unica fiera nazionale di settore, aperta oggi in FieraMilanoCity (chiude sabato 14 ottobre). ll salone è stato inaugurato da Paolo Borgio di Fiera Milano che ha ricordato la prima edizione di 31 anni fa, la ritrovata unità di tutte le Associazioni di settore e l’entrata in campo di un nuovo attore, Fandango Club. I finanziamenti agevolati per il franchising arrivano sia dal pubblico che dal privato: Microcredito per l’Italia propone finanziamenti fino a 35 mila euro per i nuovi affiliati (franchisee); agevolazioni di credito anche da Confesercenti e Confcommercio; la Regione Lombardia garantisce un finanziamento agevolato alle nuove imprese fino a 60 mila euro. Il comparto del franchising rappresenta circa il 7% dell’intero settore della distribuzione e si prevedono ampi margini di crescita. I brand più importanti stanno riscoprendo il negozio di prossimità anche facendo leva sulla formula del commercio in affiliazione. E il Salone Franchising Milano rappresenta sempre più un incubatore di nuove idee per il retail. “Basti pensare al Future Store presentato da Olivetti – ha dichiarato Antonio Fossati, Presidente del Salone Franchising Milano – con registratori di cassa di alta gamma, evoluti e connessi, accompagnati da servizi e soluzioni innovativi integrati che semplificano e trasformano la gestione del punto vendita. Il Salone è un palcoscenico di quello che sarà, diamo voce alle cose nuove”. Il comparto del franchising contribuisce anche all’occupazione, specie giovanile, come ha ricordato Cristina Ferrini, Segretario generale di Confimprese: “Nell’ultimo quadrimestre sono stati aperti 150 punti vendita in franchising, con il food e l’abbigliamento che risultano i settori più dinamici e con più alto tasso di rinnovo dei contratti”. Per far crescere il franchising non bastano i finanziamenti agevolati ha detto Alessandro Ravecca, Presidente di Federfranchising (Confesercenti): “Dobbiamo far conoscere meglio cosa è il commercio in affiliazione, fare un’operazione culturale e poi servono interventi di tipo legislativo per garantire al meglio sia i franchisee che i franchisor”. Ottimismo sul futuro del franchising è stato espresso anche da Italo Bussoli, Presidente di Assofranchising (Confcommercio): “Il settore non ha mai smesso di crescere e senza dubbio trarrà beneficio dalla semplificazione dell’offerta fieristica oggi rappresentata da un’unica fiera nazionale”.