Scuola: Aprea, troppe cattedre scoperte, avvio lezioni difficile

Milano – “Registro la criticita’ delle cattedre scoperte, anche se si tratta di una competenza statale e critico le modalita’ di selezione e di utilizzo dei docenti: non e’ possibile assumere docenti dalle graduatorie permanenti sapendo che le graduatorie di materie scientifiche o di sostegno sono esaurite in Lombardia da molti anni”. Lo ha detto l’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia Valentina Aprea oggi a margine della conferenza stampa del dopo giunta rispondendo alle domande dei giornalisti. “Il Ministero – ha proseguito Aprea – avrebbe dovuto provvedere per tempo a una formazione e selezione di nuovi docenti di matematica, di materie scientifiche e di sostegno e favorire una soluzione diversa”. “Questo non viene fatto – ha commentato l’assessore Aprea – si continua a privilegiare la stabilizzazione dei precari che e’ certamente un problema nel nostro Paese ma non puo’ essere l’unico modo di selezionare i docenti”. “A questa criticita’ – ha detto ancora Aprea – si aggiunge una situazione che ormai e’ diventata un incubo per la Lombardia, l’assenza dei dirigenti scolastici: gia’ al termine dello scorso anno avevamo numerosi posti vacanti, oggi siamo nella condizione tale per cui uno su due manca”. “Ci aspettiamo da un momento all’altro – ha auspicato l’assessore Aprea – che venga indetto questo concorso per nuovi dirigenti e si proceda quindi ad una selezione che consenta di limitare e superare le difficolta’ attuali”.