Lombardia: un luogo ideale per vivere, la montagna

Milano – “Vogliamo rendere la montagna un luogo ideale nel quale vivere”. Questo il cuore dell’articolato intervento tenuto questa mattina da Roberto Maroni nel corso della tavola rotonda organizzata all’evento ‘Montagna Futuro’ in corso all’Auditorium Testori di Palazzo Lombardia, al quale hanno preso parte, tra gli altri, anche Ugo Parolo, sottosegretario con delega alla Montagna, Deborah Compagnoni, campionessa olimpica di sci alpino, Annibale Salsa, antropologo e membro della fondazione Dolomiti Unescp, Richard Theiner, vice presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Enrico Borghi, coordinatore Strategia nazionale aree interne. Il territorio della Lombardia, ha ricordato il presidente della Regione, “e’ montano per oltre il suo 40%. Noi abbiamo una grande attenzione per questa realta’, che abbiamo tradotto in interventi concreti pensati con l’ambizione di dare a chi ci vive gli stessi servizi di chi abita in citta’. Vogliamo, ad esempio, che un giovane possa decidere di avviare una sua attivita’ economica di qualunque tipo anche in comune di montagna, senza essere costretto a farlo scendendo a valle, perche’ mancano le strade, la rete web o gli ospedali”.
Per fare cio’ servono investimenti, pensiamo alla rete, la regione e’ coperta al 97% da banda larga. Da palazzo Chigi sono arrivati 11 miliardi per strade e infrastrutture. Costruttiva la collaborazione della Lombardia sia con la Confederazione elvetrica che con le aree limitrofe Trento e Bolzano. Importante anche la presenza lombarda in Eusalp, “la Lombardia guida il gruppo delle Regioni italiane ed e’ a capo del primo ‘action group’, quello su innovazione e sviluppo, sul quale abbiamo gia’ presentato molti progetti”, ha chiarito Maroni.