Lavoro: la Carta dei Diritti Universali entra in Parlamento

Roma – La proposta di legge sulla Carta dei diritti universali della Cgil verrà esaminata in commissione Lavoro alla Camera nei prossimi giorni. È quanto ha annunciato ieri il gruppo parlamentare del Pd, dopo aver incontrato una delegazione della Cgil guidata dal segretario generale, Susanna Camusso. La Carta viene dunque incardinata in Parlamento. Se ne parla su Rassegna Sindacale (http://www.rassegna.it/articoli/la-carta-dei-diritti-arriva-in-parlamento) e sul profilo Twitter della Cgil. L’impegno a incardinare la proposta “è una notizia di cui siamo molto contenti”, ha commentato Susanna Camusso. “Forse si può aprire una stagione in cui discutere del tema del diritto del lavoro. Siamo coscienti che incardinare non significa automaticamente approvare, ma sarebbe un salto di qualità rispetto a una lunga stagione in cui si procedeva alla compressione dei diritti”. Il segretario ha aggiunto: “Abbiamo anche detto al Pd come sollecitazione, senza avere una risposta, che ci terremmo che il governo fissi la data dei referendum su voucher e appalti e chi si votino anche in caso di chiusura anticipata della legislatura”. Da parte sua, il capogruppo del Pd al Senato, Luigi Zanda, ha ribadito l’annuncio aggiungendo: “Il Pd favorirà la discussione: è un tema di grande interesse e rilevanza, un lavoro complesso e completo”.