Lombardia: Regione, no alla discarica Solter

Milano – No alla discarica. Il Consiglio regionale si schiera con i sindaci e i cittadini che hanno manifestato contrarietà al progetto di gestione produttiva dell’Ambito Territoriale Estrattivo (ATEg11) per rifiuti non pericolosi da realizzarsi nei Comuni di Busto Garolfo e Casorezzo, nel milanese. L’Aula ha infatti approvato all’unanimità una Risoluzione approvata della Commissione Ambiente dopo un approfondimento che ha visto anche diverse audizioni. La discarica, autorizzata dalla Città Metropolitana, è localizzata all’interno del Parco del Roccolo ed ha una superficie totale di 69,2 ettari. Nella porzione settentrionale, già interessata in passato a escavazione, il progetto prevede un conferimento di 456.800 metri cubi di rifiuti mentre nella zona nordoccidentale, oggi destinata a coltivazioni agricole, si prevede un’escavazione a secco (non sotto falda) di 1,750 milioni di metri cubi. Il Consiglio ha ribadito la contrarietà al progetto, sul quale il prossimo 18 dicembre si dovrà pronunciare il Tar cui cittadini, sindaci e associazioni si sono rivolti per bloccare l’avvio della discarica. La Risoluzione (relatore Roberto Anelli della Lega Nord) oltre a ribadire il no della Regione prevede un piano di monitoraggio per il controllo della flora e della fauna e la nascita di un Gruppo di lavoro permanente con il coinvolgimento degli enti locali per monitorare la situazione.  Contro la discarica si sono espressi in Aula il Vicepresidente Fabrizio Cecchetti (Lega Nord) e i consiglieri Mario Mantovani (Forza Italia); Carlo Borghetti (PD), Carolina Toia (Lista Maroni), Giampiero Maccabiani (Movimento 5 Stelle) e Riccardo De Corato (Fratelli d’Italia). In tutti gli interventi è stata sottolineata la necessità di “evitare rischi per l’ambiente e la salute dei cittadini” e che la “Regione ha il dovere al di là delle proprie competenze di difendere i territori tenendo conto delle pronunce degli enti locali”.