Latte: Lombardia, strategie 2017, subito tavolo con l’industria

Milano – “C’e’ condivisione degli attori presenti al Tavolo su fatto che serva uno sforzo comune da parte del mondo della produzione, che passa per una negoziazione che va coordinata e concordata, senza bisogno di costruire cartelli inutili. La volonta’ del mondo delle imprese che producono il latte e’ di rivolgersi alle industrie con la richiesta di convocazione di un tavolo urgente che definisca le strategie per il 2017. Non c’e’ dubbio che in questo momento ci siano aspettative del mercato esterno che coincidono con un andamento generale percepito da tutti come positivo, ma che non si ritrova di fatto nella contrattualistica”. Lo ha spiegato l’assessore regionale all’Agricoltura Gianni Fava, che oggi ha incontrato i rappresentanti delle associazioni di categoria e le organizzazioni dei produttori. “Sappiamo che la gran parte dei produttori lombardi stanno lavorando al di sotto dei costi di produzione”. “Parte un coordinamento delle imprese – ha aggiunto Fava – dal quale la parte pubblica si sfila. Sono pronto a riconvocare questo Tavolo se servisse, ma credo che la contrattualistica passi tra i produttori e i trasformatori industriali, al di fuori del mondo della cooperazione ampiamente rappresentato ma sostanzialmente neutro rispetto a questa fase”. “Oggi registro con soddisfazione la convergenza del mondo dei produttori – ha sottolineato in conclusione Fava – che per la prima volta nella storia si dice disponibile a negoziare insieme con la controparte industriale, superando vecchie divisioni sindacali e del mondo della raccolta”.