Fiom: Olivetti-amianto, verità e giustizia

Torino – E’ la Fiom Cgil a commentare la sentenza sull’amianto in Olivetti. Laura D’Amico, avvocato della Fiom-Cgil, dice “Esprimiamo grande soddisfazione perche’ dopo un dibattimento molto duro e combattuto, soprattutto da parte delle difese, e’ emersa la verita’ ed e’ stata data giustizia alle vittime”.  “La soddisfazione e’ data anche dal fatto che il giudice ha condannato gli imputati al risarcimento dei danni ai privati e alle associazioni, tra cui anche la Fiom-Cgil”.  “Nulla puo’ restituire ai propri famigliari i lavoratori scomparsi – dice Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom – ma almeno questo processo ha fatto giustizia ed e’ significativo che le pene piu’ severe siano state comminate alle figure di grado piu’ elevato, che avevano le maggiori responsabilita’ nel dirigere l’impresa. Questa sentenza e’ pero’ solo la chiusura di capitolo, non solo perche’ le statistiche dicono che purtroppo le persone continueranno a ammalarsi e morire anche nei prossimi anni, non solo perche’ sicuramente le difese ricorreranno in appello, ma anche perche’ sono gia’ in stato avanzato i lavori istruttori di processi per altre morti di amianto in Olivetti”.